Translate

venerdì 25 settembre 2015

Ortaggi con il cappotto

Quando parliamo di orto di solito  pensiamo alla primavera e all’estate, periodi ideali per coltivare e seminare moltissimi ortaggi. Ma anche l’inverno può essere il periodo adatto per coltivare qualche ortaggio. E noi, nel nostro ultimo anno di scuola elementare, impariamo quali sono gli ortaggi  autunnali/invernali.

Non dobbiamo farci ingannare dalle basse temperature perché gli ortaggi invernali contengono dei nutrienti che proteggono la loro struttura vegetale contro le basse temperature, per resistere alla diminuzione della luce solare e per superare le variazioni climatiche tipiche dell’inverno. ( da 

http://www.coltivareorto.it/consigli-orto/lorto-dinverno-ecco-gli-ortaggi-invernali.html)

Ecco gli ortaggi invernali che possiamo  coltivare:

  • Aglio
  • Barbabietola a radici lunghe
  • Bieta
  • Broccolo
  • Carciofo
  • Carote
  • Catalogna
  • Cavolfiore
  • Cavolo cappuccino
  • Cavolo di bruxelles
  • Cavolo verza
  • Cicoria
  • Cime di rapa
  • Cipolla
  • Finocchio
  • Indivia
  • Lattuga
  • Porro
  • Prezzemolo
  • Puntarelle
  • Radicchio
  • Rape
  • Ravanelli
  • Sedano bianco
  • Spinacio
  • Zucca
Noi abbiamo " dato casa" al cavolo verza, al radicchio rosso di Chioggia, all' insalata brasiliana o iceberg, ai finocchi.
Nonno Dino ci  ha fatto da maestro come sempre. 
IMPARIAMO L' ARTE E METTIAMOLA DA PARTE.
Abbiamo anche imparato come si riproducono e propagano le fragole. Infatti  quelle che abbiamo  piantato due anni fa hanno fatto tanto figliolini che sono legati alle loro " mamme" da un rametto giallino che si chiama stolone.
 
Dal basso della foto si vedono le fragole, la pianta di lavanda che la maestra Loredana ha portato dalla Francia, due file di iceberg, due file di radicchio e i finocchi.








Siamo stati nell' orto quasi due ore, ognuno di noi ha fatto qualcosa; il pomeriggio è volato.
A casa ci portiamo un tesoro immenso.
La terra è vita. 
La tera è la casa di tante forme di vita.
La terra,  anche quando fa freddo, ci dona i suoi frutti; impariamo a mettere sulla nostra tavola quello che ci suggerisce la stagione.

Da http://www.verduredistagione.it/about/perche-mangiare-di-stagione

PERCHÉ È PIÙ BUONO PER TE, PER IL TUO PORTAFOGLI, E PER IL NOSTRO PIANETA.
Per te

Mangiare di stagione vuol dire prima di tutto mangiare saporito! Scegliendo verdure fresche e raccolte secondo la loro maturazione naturale porterai in dote al tuo palato una ricchezza straordinaria e unica. Perché non vale lo stesso fuori stagione?

Perché, anche se di stagione in un altro paese o continente, le zucchine che porterai sul tavolo a dicembre avranno probabilmente viaggiato per giorni oppure saranno state conservate a lungo in celle frigo. Perché allora non attendere qualche mese per godere di un sapore pieno in cucina?
Mangiare di stagione vuol dire anche mangiare salutare perché le verdure non hanno bisogno di trucchi per crescere, soprattutto se scegli prodotti da agricoltura biologica, senza additivi sconosciuti. In aggiunta, cambiare i cibi in tavola secondo le stagioni vuol dire diversificare in automatico l’apporto di vitamine, sali minerali e altri nutrienti di cui il tuo organismo ha 
Bisogno