Translate

venerdì 29 novembre 2013

Angoli e corpo

Divertiamoci a disegnare angoli con il nostro corpo. Braccia, gambe e dita sono le semirette che delimitano lo spazio e creano angoli acuti, retti, ottusi e piatti.
Ci divertiamo poi anche a rappresentarci sul quaderno. Nascono posizioni simpatiche, alcune anche difficili da realizzare nella realtà, forse più adatte agli atleti del circo, a ballerini professionisti o contorsionisti.
Divertimento assicurato e la geometria  così è proprio piacevole.






See you 
Giuditta

venerdì 22 novembre 2013

Oggi a pranzo mangio...



Sai quanto può essere divertente andare al ristorante del tuo compagno di classe e scegliere cosa mangiare? C' e' il ristorante di Luchino il pulcino o il ristorante Che bontà oppure, per citarne un altro tra tanti, quello chiamato Laguna blu. Se poi nel menù si propone lo scorfano alla siciliana impariamo dov'è la Sicilia, se c' e' il gelato al gusto di cioccolato infuocato devi stare attento alla lingua e se invece il menù propone fish and chips o bacon and eggs si fa intercultura e viene voglia a tutti di volare a Londra o a Dublino.

Primo step. Obiettivo. Coinvolgere tutta la classe nell'attività che sta eseguendo una bambina con l' insegnante  di sostegno. Ci viene presentato il menù che ha inventato e ognuno di noi sceglie, calcola il totale e paga alla cassa con delle piccole banconote e monetine. 


Secondo step. Ci divertiamo. E tanti allora esordiscono dicendo :" Maestra, possiamo inventare anche noi un menù?"
Risposta: " Ma certo... Al lavoro. Ognuno inventa un menù con al massimo dodici piatti e inventa anche il nome del ristorante." Wow, l' idea piace. La fantasia vola. Si disegna, si scrive il costo di ogni piatto e si colora.





Terzo step. Ognuno presenta i propri piatti. Applausi e applausi. Verifichiamo i costi perché in un ristorante in cui la Coca- cola costa 9 euro  ci andrebbero proprio pochi. Fotografiamo i menù.
Li stampo tutti e su ogni pagina metto la foto di ogni bambino, i piatti con i relativi costi.
Ora sono tutti appesi alla parete. Belli da leggere e da vedere.

Quarto step. Si scegli in quale ristorante pranzare e si ordina. Ognuno scrive sul proprio quaderno:
La mia ordinazione e in successione, uno sotto l' altro, i piatti scelti e accanto il costo.
Poi la domanda: quanto spendo? E il calcolo, l' addizione in riga e il totale.
Per eseguire il calcolo utilizziamo  la linea del  1000 (mi riferisco alla linea del 1000 del metodo
analogico del maestro Camillo Bortolato) con la quale è semplicissimo sommare euro e centesimi 
perché ogni pallina e' un centesimo e un armadio un euro. Con questo strumento e' anche facile seguire le prime equivalenze... come 120 centesimi quanti euro sono?
Nell' eseguire la somma scopriamo quante strade, quanti percorsi, cioè le diverse strategie che  ognuno di noi utilizza per rendere più facile il calcolo. E da questo impariamo i nomi di 
tutte le proprietà dell'addizione,  che sono già dentro di loro.

Chi desidera può anche fare il disegno di se stesso che pranza oppure può rappresentare i piatti scelti. Da questa indicazione nascono dei bei disegni  tra cui un salame al cioccolato divinamente rappresentato.




Quinto step. Costruiamo un istogramma dove si visualizza rapidamente il ristorante piu' scelto.
Il risultato sorprendente  e' che la maggior parte dei bambini ha scelto di pranzare al mio ristorante (
si' ... perché anch' io ho realizzato il mio menù) che ho chiamato Giuditta ' yummy restaurant e che 
propone cibi e piatti inglesi(  nella  stessa settimana impariamo in inglese la nursery rhyme Pat- a- cake..)

Sesto step. Quanto ha speso  Jacopo? E Luca? E Linda? Quanto ha speso  Francesco più di Emma?
Quanto ha speso Ginevra meno di Gabriele? Quanto riceve Carola di resto se paga con una banconota del valore di  20 euro? 

Conclusioni. Addizioni e sottrazioni, euro e centesimi, equivalenze e proprietà delll' addizione, 

risoluzione di problemi e statistica. Fantasia e creatività. Coinvolgimento, partecipazione e tanto 
divertimento. Il cuore leggero e  tutto si capisce più in fretta.





See you
Giuditta

                                                      

                                                            







giovedì 21 novembre 2013

Amici alberi

Auguri, amici alberi, oggi e' la vostra festa.
Un augurio speciale a quercia Palloncino. 

Oggi ci siamo divertiti a cantare IO SONO UN ALBERO.
E' una bellissima canzone che trovate  in formato mp3 sul sito della maestra Mary nella pagina Festa degli alberi.
Ecco il sito:  http://www.maestramary.altervista.org/festa-alberi-storia-canzoni.htm

martedì 19 novembre 2013

Concentrazione

 Concentriamoci tutti

 Proposte per aumentare la capacità di concentrarsi divertendosi. Ci meravigliamo poi dei risultati.
1. Le catenelle con la lana
Si realizzano facilmente e i bambini apprendono rapidamente il procedimento. Sono poi utilissime anche per introdurre le misure di lunghezza o per creare decorazioni  per l' albero di Natale.
Prossimamente filmerò un bambino mentre ne realizza una così sarà chiaro il procedimento. L' ho imparato anch' io. 




2. Le cornicette e i mandala
Le proposte del maestro Camillo  Bortolato nel suo meraviglioso testo CONCENTRAZIONE  E SERENITÀ  CON LE CORNICETTE E I MANDALA sono ideali per aiutare i nostri bambini nel concentrarsi e nello stupirsi . Anche la maestra si stupisce perché i bambini sono capaci di cose sorprendenti. 
E noi di solito facciamo così. Disegniamo e disegniamo e ci ritagliamo in settimana un momentino in cui ognuno, se desidera, mostra alla classe il proprio lavoro. Tutti guardano; si leva un applauso e fioriscono sorrisi.




3. Conoscete THE CUP SONG? Su Youtube si trova con facilità. Ci sono anche molti. tutorial.  A me piace tantissimo quella in gaelico forse perché mi ricorda il mio viaggio estivo in Irlanda. 


Il mio obiettivo? Insegnarla ai miei alunni. E' un' ottima proposta per concentrarsi. 
Le cose sono andate così.
Appena  ho mostrato loro il video mi hanno espresso il desiderio di imparare i movimenti con il bicchiere. Subito maestra, dai subito!!
Il giorno dopo alcuni di loro, rivedendo il video a casa, hanno appreso i gesti e, una volta in classe, durante gli intervalli, li hanno insegnati  ai compagni. Cooperative Learning  in azione. 
Ed io? Non ho fatto altro che guardare e unirmi a loro con il mio bicchiere colorato e con le mie mani. Stupore e gioia contagiosa. 
 In due giorni l' hanno imparata e sono già in grado di fare i movimenti tutti insieme. Ora si tratta di trovare una canzone da abbinare ai gesti e per questo mi farò aiutare da chi, in fatto di musica,  ha più competenze di me.
Mi piacerebbe trovare un canto natalizio da abbinare ai movimenti. Sarebbe proprio bello.
Imparare The cup song e' una preziosa occasione per valorizzare le capacità dei bambini. Io li ho visti stupiti del risultato del gruppo e contenti di loro stessi. Una bella carica di autostima. 

The Irish version.
The cup song

See you
Giuditta





mercoledì 6 novembre 2013

Bellezza. Bambini sorprendenti.

Sorpresa

Con questi disegni ci sorprendiamo tutti quanti. 
Bambini e maestra.
Mamme e papà.
 Sorelle e fratelli. 
Il cielo intero si sorprende davanti a queste meraviglie che creiamo. La felicità e la bellezza si spargono dappertutto e ci sbalordiscono.
Sono tutta una sorpresa e non c'è  che da rallegrarsi. Anche i rombi parlano e si animano.

Sorprendetevi anche voi. Non potete fare altro.






































See you 
Giuditta

Me
I love my work